QUESTO PORTALE WEB UTILIZZA COOKIES TECNICI Ulteriori informazioni.

Ministero della Pubblica Amministrazione Ministero della Pubblica Amministrazione

logo

Il Piano Annuale per l’Inclusività (PAI) fotografa sia quantitativamente sia qualitativamente la presenza di tanti alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES) nelle Scuole del nostro Istituto e indica  le scelte strategiche messe in atto all'interno delle nostre Scuole per sostenere questi alunni nel loro difficile percorso di cresci

Nei Piani annuali per le attività delle diverse scuole sono contenute della specifiche “Indicazioni per l’inclusione degli alunni con BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI”:

BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES)

Referente regionale BES – Isabella Lovino

Definizione Linee d’azione e piani di formazione regionali – Rapporti con il MIUR e con gli uffici della Direzione – Rapporti istituzionali e con le associazioni ed enti del territorio – Coordinamento organismi regionali (GLIR) e territoriali (referenti UST e coordinatori CTS)
tel. 02 574 627 249 – Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Referente regionale CTS – Giuliana Domenica Talarico

Collaborazione con il referente regionale BES – Coordinamento azione dei CTS della regione – Rapporti con il Ministero – Collaborazione alla definizione delle linee d’azione regionale e delle iniziative di formazione specifiche degli operatori dei CTS.

Presentazione

Con la direttiva dello scorso 27 dicembre 2012 relativa ai Bisogni educativi speciali (BES) il MIUR ha accolto gli orientamenti da tempo presenti in alcuni Paesi dell’Unione europea che completano il quadro italiano dell’inclusione scolastica.

Il concetto di Bisogni Educativi Speciali (BES)  si basa su una visione globale della persona con riferimento al modello ICF della classificazione internazionale del funzionamento, disabilità e salute (International Classification of Functioning, disability and health) fondata sul profilo di funzionamento e sull’analisi del contesto, come definito  dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS, 2002) .

Rientrano nella più ampia definizione di BES tre grandi sotto-categorie: quella della disabilità; quella dei disturbi evolutivi specifici e quella dello svantaggio socioeconomico, linguistico, culturale.

Leggi il documento, in allegato, di approfondimento per sostenere il lavoro delle scuole in attuazione della direttiva ministeriale.

ALUNNI CON DISABILITA’ CERTIFICATA

Nelle Scuole dell’Istituto sono presenti numerosi alunni disabili, seguiti da  insegnanti di sostegno statali e da educatori assegnati dai Comuni.

Per ogni alunno disabile sono predisposti, a cura di tutto il Gruppo docente, con la consulenza degli specialisti che seguono il minore, il Profilo Dinamico Funzionale (P.D.F.) ed il Piano Educativo Individualizzato (P.E.I.)

Per quanto riguarda gli Obiettivi di Apprendimento si procede alla semplificazione degli stessi, se le abilità dell’alunno disabile lo consentono, o alla definizione di obiettivi completamente individualizzati qualora le difficoltà siano particolarmente significative.

Gli insegnanti di sostegno operano, concordemente con gli altri insegnanti di classe, in un’ottica di recupero anche dei bambini svantaggiati presenti nella classe e nella Scuola.

Gli insegnanti di sostegno organizzano, in accordo con i colleghi, incontri con gli operatori degli Enti Specialistici con i quali si attuano delle riunioni periodiche per la verifica e la programmazione degli interventi educativi. Sono invitati a partecipare a tali incontri anche gli eventuali assistenti educatori messi a disposizione dalle Amministrazioni Locali.

In accordo con gli specialisti è prevista la partecipazione agli incontri periodici anche dei genitori dell’alunno disabile.

Al termine di ogni incontro gli insegnanti di sostegno stendono una relazione di sintesi che viene inviata, dopo averla fatta leggere per presa visione ai colleghi della classe, entro i 7 giorni successivi alla data dell’incontro, al dirigente scolastico.

Sono particolarmente curati da tutti i docenti i rapporti con i genitori dell’alunno disabile.

Si sottolineano le linee fondamentali relative all’integrazione degli alunni con disabilità certificate:

  • il bambino disabile è di tutti gli insegnanti;
  • l’insegnante di sostegno è di tutti i bambini;
  • tutti gli insegnanti che operano a vario titolo sulla classe in cui è inserito un alunno disabile devono essere al corrente delle attività da svolgere con lui.

In primo piano

URP

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE “DON MILANI” DI PERTICATO DI MARIANO COMENSE
Via Bellini, 4 - 22066 Mariano Comense (CO)
Tel: 031745623
PEO: coic85100c@istruzione.it
PEC: coic85100c@pec.istruzione.it
Cod. Mecc. coic85100c
Cod. Fisc. 81007890130
Fatt. Elett. UFIAOI